Com’è nata la pornocellula? Batteri, biologia e hard

Com’è nata la pornocellula? Batteri, biologia e hard

by -
0 1092
Baudelaire series, Aimei Ozaki

Lynn Margulis non è una pornoattrice. Non è neppure parte di quell’accademia vicina ai porn studies da cui negli ultimi anni è anche scaturita una rivista. È a lei, però, che dobbiamo il concetto con cui proseguire il viaggio per pornostoppisti iniziato con l’#algoritmo del desiderio e transitato per il #tecnovivaio

Lynn Margulis è una biologa e il porno è un batterio.

Isola n°3 #endosimbiosi

Baudelaire series, Aimei Ozaki
Baudelaire series, Aimei Ozaki

“L‘ipotesi [endosimbiotica] è che alcuni organismi biologici furono ingeriti da altri organismi e poiché ne trassero un vantaggio evoluzionistico di sopravvivenza reciproco, svilupparono una relazione simbiotica permanente che nelle generazioni è divenuta indissolubile e imprescindibile; come esempio viene postulato che, nel passato remoto del precambriano, un batterio aerobico fu ingerito da un batterio anaerobio acquisendo un vantaggio reciproco e che continuando la loro relazione mutualistica abbiano superato gli altri organismi in quell’ambiente; nel tempo il batterio interno ha perso o spostato materiale genetico dal nucleo dell’ospitante per la codifica di tutto ciò che non era più necessario o superfluo”.

Proprio come un batterio simbionte, specializzato in una specifica funzione – l’accesso al godimento – il porno si è insediato nella cellula della comunicazione, generando un vantaggio di sopravvivenza per entrambi gli organismi, nonché attivando una relazione di cooperazione capace di ridefinire continuamente l’organizzazione dell’apparato cognitivo e della materia del corpo ospitante.

Tra porno e tecnologie della comunicazione è attiva quindi da tempo una relazione endosimbiotica che fa della network culture l’habitat ideale per il pornhuman: pulsante assemblaggio di algoritmi, buchi, godimento, ossessioni e comunicazione; esito di trasformazioni sociali, antropologiche  e tecnologiche inedite. Forse inaudite.

Torniamo così al punto di partenza di questo viaggio:

“Siamo cloud endosimbiotiche di batteri e pornobit”.

NESSUN COMMENTO

Lascia una risposta