CasaPound e Destra: intervista a Eugenio Palazzini

CasaPound e Destra: intervista a Eugenio Palazzini

fonte ostianews.it

Prosegue l’indagine per la rubrica ‘Che cos’è la Destra?’ Dopo Francesco Macrì, a rispondere alle domande de Lo StampAteo è Eugenio Palazzini, Coordinatore regionale di Casapound.

L’impegno politico di Palazzini nasce nel 2005, “quando ad Arezzo fondiamo l’Associazione culturale la Torre di Gnicche, con una precisa identità ma senza un riferimento diretto a un partito o movimento politico nazionale”.

“Abbiamo portato avanti altre iniziative – afferma Palazzini – come l’Università d’estate: una serie di attività sportive, ludiche e culturali in giro per l’Italia. E mentre ad Arezzo nasceva il Blocco studentesco nelle scuole, abbiamo incontrato i ragazzi che avevano occupato lo stabile CasaPound a Roma: un’affinità sfociata nella nostra adesione a CasaPound Italia”.

Casapound ha partecipa attivamente alle elezioni amministrative: avete una strategia politica definita?

“Dipende molto dalle persone, più che dai partiti. Se i componenti della lista civica ci piacciono, rapportandosi con noi per convenire su alcune tematiche, non abbiamo preclusioni ideologiche. È fondamentale una base per collaborare, proprio per evitare quanto più possibile strappi futuri. A Castiglion Fiorentino c’è stato il coinvolgimento diretto di un nostro candidato, ad Arezzo invece, abbiamo appoggiato Roberto Bardelli e poi tutta la Lista di Centrodestra”.

Quali sono i temi che ritieni fondamentali per un programma politico amministrativo?

“Un programma sociale che parta da un principio: prima gli italiani. Riteniamo che ci debba essere la possibilità di accedere ai servizi sociali senza scontare un gap con i cittadini appena arrivati. La situazione attuale ci dice che le risorse sono pochissime, come il lavoro, i servizi sociali e la casa. I temi dell’immigrazione e della sicurezza, sono temi altrettanto importanti. Sia con Roberto Bardelli che con i candidati della Lega Nord, abbiamo trovato un punto di comune accordo. Questo non significa dare carta bianca all’amministrazione comunale, anzi, saremo i primi a dare battaglia se non vengono rispettati i punti del programma.”

Per Eugenio Palazzini che ‘Cos’è la Destra?’

“Mi viene in mente ‘Le anime morte’, l’opera dello scrittore russo Nikolaj Vasil’evic Gogol’. La Destra è una categoria morta. Non riesce più a descrivere la realtà attuale. I partiti politici, nel loro complesso, sfuggono alla classica categoria Destra/Sinistra. Prendiamo il concetto di nazionalismo: siamo sicuri che sia di Destra? Se parli di “Patria” in Italia a uno di sinistra passi per matto; se lo chiedi in Vietnam a un comunista cambia tutto. Ancor di più a Cuba dove il mito fondante è stato “Patria o Morte”… Il richiamo alla Destra è più mediatico che politico. È solo un tentativo di catalogare gli avvenimenti politici, magari per ricreare una composizione politica prima delle elezioni. Nella realtà, la Destra è una categoria che non esiste”.

Di seguito potete trovare la videointervista a Eugenio Palazzini, con domande inedite su importanti temi dell’agenda politica: dallo Ius soli ovvero il riconoscimento della cittadinanza per chi nasce in Italia, alla difficile situazione che sta vivendo il popolo siriano.

ARTICOLI SIMILI

0 2871

NESSUN COMMENTO

Lascia una risposta