Elena Boschi, una biografia costituzionale

Elena Boschi, una biografia costituzionale

by -
0 2114
fonte vanityfair.it

Figlia dell’ex Dirigente bancario Pierluigi Boschi, a cui Lo StampAteo ha dedicato una biografia, e della Dirigente scolastica Stefania Agresti che ha spesso lamentato “tante cose imprecise, ma anche cattiverie”, sulla famiglia di Montevarchi, Maria Elena è nata il 24 gennaio 1981 ad Arezzo e cresciuta nel Comune di Laterina.

Molto vicina alla religione (o politica) cattolica (i genitori si sono conosciuti a un comizio della Democrazia Cristiana alla fine degli anni Settanta), Maria Elena è sempre stata la figlia che tutti i genitori vorrebbero avere: diplomata col massimo dei voti al Liceo Petrarca di Arezzo, laureata col massimo dei voti all’Università degli Studi di Firenze in Giurisprudenza, cultore della materia presso la cattedra di Diritto commerciale della medesima università, e con un Master in Diritto societario.

Elena esordisce in politica nel 2008, promuovendo nel periodo delle Primarie PD a Sindaco di Firenze, Michele Ventura: dalemiano e antirenziano.

Maria Elena, in questo periodo, lavora anche a stretto fianco con Francesco Bonifazi. È proprio quest’ultimo, prima capo dello staff elettorale di Michele Ventura e poi tassista di Matteo (da qui l’appellativo “Bonitaxi”) a segnalare la Boschi a Renzi, proponendola per il Cda di Publiacqua, l’azienda idrica più importante in Toscana (di cui effettivamente farà parte dal 2009 al 2013, cioè fino alla sua nomina da Ministro).

Secondo Luigi Bisignani, di cui è inevitabile fidarsi, Bonifazi è stato il primo amore della Boschi; effettivamente qualcosa in comune lo avevano: il babbo del “barzellettiere di Renzi” (sempre per usare un’espressione di Bisignani), Franco Bonifazi, è stato per anni direttore della Mukki, mentre lo zio, Alberto Bruschini, membro della deputazione generale del Monte dei Paschi e direttore della Cassa di risparmio di Prato. Insomma, Elena e Francesco in comune avevano il fatto di non avere due umili famiglie.

Nel 2012, in occasione delle primarie del centrosinistra, Maria Elena, divenuta nel frattempo membro della direzione del PD a Firenze, è coordinatrice della campagna per Matteo Renzi, insieme a Simona Bonafé e Sara Biagiotti

L’anno dopo alle elezioni politiche 2013, Maria Elena viene eletta Parlamentare nella Circoscrizione Toscana (XII).

Il 9 dicembre 2013, in seguito al trionfo di Renzi nelle primarie, la Boschi diventa responsabile per le Riforme nella segreteria nazionale del PD.

L’apice della sua carriera arriva il 22 febbraio 2014, quando la giovane Elena è la prima donna a ricoprire il ruolo di Ministro per le Riforme Costituzionali.

In attesa del resto, l’“avvocaticchia” (cit. Marco Travaglio), capace di citare De André, Pratolini e… Amintore Fanfani, non ride mai, ma sorride sempre perché come lei stesa ama ripetere:

«Il sorriso non è scherno né arroganza: è la convinzione che ce la possiamo fare e ce la faremo».

 

 

NESSUN COMMENTO

Lascia una risposta